L’olivo di Athena e l’uomo della api

 

Stava lì ai bordi dell’asfalto, contorto e rinsecchito, senza che alcuno si accorgesse che i suoi virgulti, rivolti al cielo ed al sole crescevano più alti e forti che mai.

Strappato dalla terra di collina, da chi non gradiva quell’olivo nel suo ritiro di campagna, per lungo tempo giacque divelto al suolo con le radici rivolte all’aria, poi, raccolto da mano pietosa  fu trasportato sul mare e trapiantato tra l’erba ed i sassi di una strada di periferia (via Ciro Corradetti).

Negli anni, anche se curato dalla gente della via che lo liberava dalle erbacce e ne innaffiava le radici, sembrò che l’olivo si fosse arreso alla vita. E tutti si dimenticarono di quel legno scheletrito.

Immagine

Ma come spinto da una segreta speranza, passando da lì  seguitavo a liberare la pianta dai rovi invadenti; mi fermavo a lei accanto e la imploravo di sopravvivere ai suoi malanni.

Di recente, con grande emozione, mi accorsi che dalla base della pianta erano spuntati dei piccoli, teneri polloni; di qualche centimetro di altezza appena, ma rassicuranti per la sua rinascita. A primavera le cacciate erano sempre più alte e forti; a quel punto era evidente che per incoraggiarne la crescita era necessario recidere il vecchio tronco alla base.

Un primo tentativo operato dalla gente della via andò a vuoto. Quel mattino nonostante decise manovre la motosega non intese mettersi in moto.

Pensai così di rivolgermi a Sandro: l’uomo della api, che sulle balze sassose della sua terra (sul fosso Scarpatosta), oltre ad ottenere del vino gustoso e dell’ottimo olio, alleva api, produce miele ed essicca erbe dalle essenze preziose. Sandro lavorando alacremente per ore, liberò i polloni dell’olivo dal tronco ormai ingombrante e dalle folte malve che quasi li soffocavano.

Già il giorno seguente, quando “l’uomo delle api” ritornò per recuperare il fusto della vecchia pianta, (destinata ad uno scultore in legno), i suoi polloni alti e svettanti sembravano salutarci e ringraziarci.

C’è da augurarsi che da lì a qualche anno, se riuscirà a salvarsi dall’inciviltà dell’uomo e  dai frequenti incendi che colpiscono questa parte della campagna, i virgulti dell’albero, caro alla dea Athena, cresciuti su una incolta scarpata di una via della periferia, si trasformino  in un olivo maestoso a dominio di una vallata (Zampa d’Agnello) che meriterebbe molte, molte  più attenzioni.

A tutela della sua sopravvivenza, ora sta a voi che le camminate accanto ogni giorno: a piedi, di corsa o con i vostri cani al seguito, proteggerlo dalle offese e di tanto in tanto lanciarle un’occhiata rassicurante.

Lunga vita all’olivo di Athena.

 

P.S. L’augurio è, che il salvataggio di un vecchio olivo, dato  per spacciato,  possa divenire  un simulacro; un omaggio alla natura,   attraverso il quale la nostra gente,  distratta e rilassata comprenda che,    adottare una pianta, coltivare un fiore sul un  balcone, raccattare in terra una lattina o un bottiglia di plastica vuote,    non garantirà loro un posto in paradiso,  ma forse,  ci regalerà  una  città  più ordinata e più vivibile.

 

Mauro Tisselli    Gennaio 2013

 

 

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Lia ha detto:

    Ottimo, è possibile inserire una mappa o le indicazini stradali?
    Grazie

    Mi piace

    1. lacastellina ha detto:

      Siamo a Civitavecchia di fronte all’Istituto Marconi.. Grazie Lia

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...